SENEC.Blog La tua vita. La tua energia. Il tuo blog.

Per calcolare il rendimento dei pannelli fotovoltaici è necessario ricorrere a complesse formule matematiche che permettono di stimare, in base agli standard STC (le condizioni standard a cui sono sottoposti i componenti fotovoltaici in fase di test), la quantità di energia che ogni modulo riesce a convertire in elettricità. Questo valore percentuale è influenzato da diversi fattori, sia esterni (latitudine, inclinazione e orientamento del tetto, temperatura d'esercizio) sia interni (caratteristiche e qualità dei componenti, età dell'impianto, perdite di sistema). Una volta individuato il sistema più efficiente e più performante, è importante ottimizzarlo per far sì che produca energia sufficiente a coprire le tue necessità. Oggi ti parliamo proprio di questo: come avere un impianto fotovoltaico ad alto rendimento.

Rendimento pannelli fotovoltaici sempre al top: come?

Per assicurarsi una buona resa dall'impianto fotovoltaico è necessario:

  • Puntare su materiali di qualità
  • Progettare l'impianto con criteri che massimizzino il rendimento (inclinazione, esposizione, ombreggiamenti, stringhe, ecc.)
  • Dimensionare correttamente l'impianto sulle proprie esigenze energetiche
  • Eseguire una manutenzione costante dei pannelli (compresa la pulizia annuale)
  • Effettuare un monitoraggio costante dell'impianto

Quest'ultimo punto è particolarmente importante, se vuoi un elevato rendimento fotovoltaico, perché permette di tenere sotto controllo la produzione e il corretto funzionamento dell'impianto, assicurandosi che non ci siano guasti o anomalie.

Come massimizzare il valore di un impianto fotovoltaico

Una volta ottimizzato il rendimento dell'impianto fotovoltaico, non resta che ottimizzarne l'uso e la spesa sostenuta per installarlo.

C'è infatti un modo per fare tutto questo e per aumentare ulteriormente il valore complessivo del proprio impianto fotovoltaico: abbinarvi un sistema di accumulo.

I pannelli fotovoltaici, infatti, funzionano solo di giorno, quando c'è il sole. Mentre le esigenze energetiche della tua famiglia sono più alte al mattino presto o la sera, quando tutti sono a casa. 

Per evitare di dover continuare prelevare elettricità (e pagarla sempre più cara) dalla rete nazionale, puoi optare per le batterie di accumulo, che ti consentono di non sprecare l'energia fotovoltaica che produci.

Guarda anche questo approfondimento completo sull'accumulo fotovoltaico.

Grazie agli energy storage:

  • sfrutti al meglio l'energia fotovoltaica prodotta e massimizzi l'autoconsumo, perché puoi accumulare nelle batterie l'energia prodotta durante le ore di luce, che altrimenti finirebbe "persa" in rete perché in casa non c'è nessuno pronto ad usarla;
  • ti assicuri una scorta di elettricità sempre disponibile, da utilizzare la sera o la notte, per far funzionare gli elettrodomestici e l'impianto di climatizzazione invernale ed estivo;
  • contribuisci alla salvaguardia del pianeta perché limiti al massimo le emissioni inquinanti;
  • dai un taglio alla bolletta dell'energia elettrica e, se colleghi al tuo impianto fotovoltaico anche la pompa di calore, abbassi anche le spese per il gas;
  • aumenti la tua autonomia ed autosufficienza energetica, liberandoti dai continui aumenti del prezzo dell'energia.

I migliori sistemi per l'accumulo fotovoltaico sono dotati di un sistema di monitoraggio che permette di controllare (anche da smartphone) il buon funzionamento di tutto l'impianto e i reali consumi di energia, massimizzando così il rendimento dell'investimento fatto.

Anche nel caso degli accumulatori, è importante dimensionare correttamente le batterie per ottimizzare al meglio la percentuale di autoconsumo. Scopri come farlo in questo articolo.

 

Sei un installatore e vuoi conoscere i vantaggi di una partnership strutturata? Clicca qui sotto! 

New call-to-action

 

Usufruisci delle agevolazioni

Oggi investire nell'accumulo fotovoltaico è decisamente una scelta ottima sotto tanti punti di vista: è una soluzione agli aumenti dei prezzi dell’energia, favorisce ad accelerare la transizione energetica e rientra tra le spese agevolabili dagli incentivi statali. Le detrazioni riguardano sia l'installazione di un impianto fotovoltaico ex novo che l’installazione, contestuale o successiva, di sistemi di accumulo.

Superbonus 110%

Prorogato dalla Legge di Bilancio 2022 fino al 31 dicembre 2023, il Superbonus permette di recuperare il 110% della spesa sostenuta, a condizione di rispettare determinate condizioni. La detrazione, dal 110% previsto per tutto il 2023, andrà a ridursi progressivamente: 70% nel 2024 e 65% nel 2025.

Qui alcuni articoli per approfondire:

Bonus Ristrutturazione

Si tratta di una detrazione al 50% da recuperare in 10 anni e che prevede un massimo di spesa di 96mila euro.

Per entrambe le agevolazioni è prevista la possibilità dello sconto in fattura o cessione del credito.

 

Hai già un impianto fotovoltaico sul tetto di casa (o hai intenzione di installarne uno) e vuoi ottimizzare il rendimento pannelli fotovoltaici e l'investimento fatto, aumentando la quota di autoconsumo e diventando sempre più indipendente dal punto di vista energetico? 

Scopri qual è il sistema di accumulo più adatto a te: prova il nostro configuratore online.

Scopri il prezzo del sistema di accumulo

NdR: questo articolo è stato scritto nel 2019 e aggiornato alle attuali normative


SCRITTO DA

Giovanni Colangiuli

Giovanni Colangiuli

Ingegnere, lavora da oltre 10 anni nel settore del fotovoltaico, dove ha ricoperto diversi ruoli tecnici (technical team leader, O&M Manager, Project Engineer e Project Developer) a supporto dei più importanti EPC Constructor. L’Ing. Colangiuli rappresenta SENEC presso i Comitati Tecnici 82, 120 e 316 del CEI.

topic-icon
FILTRA LA TUA RICERCA