SENEC.Blog La tua vita. La tua energia. Il tuo blog.

Uno degli elementi che determina l'efficienza di un impianto fotovoltaico è il suo cuore tecnologico: l'inverter. Per questo motivo, scegliere il miglior inverter fotovoltaico è molto importante, sia per avere un’abitazione indipendente sul piano energetico, sia per garantire il massimo risparmio sulla spesa in bolletta.

Come fare la scelta giusta per un'utenza domestica?

Funzioni inverter fotovoltaico

L’inverter fotovoltaico è un apparato in grado di convertire una corrente continua in ingresso (quella generata dai pannelli fotovoltaici) in corrente alternata in uscita, in modo che possa essere impiegata per alimentare le utenze elettriche di casa (elettrodomestici, luci, ecc.). In più, l’inverter è anche in grado di regolare in modo ottimale la tensione e la frequenza della corrente che viene immessa nella rete domestica, nonché di ottimizzare la potenza che si può ricavare dai pannelli fotovoltaici.

In termini pratici, una inverter di qualità consente all’impianto fotovoltaico di lavorare in modo corretto e al massimo delle sue potenzialità.

Vediamone le caratteristiche e, sulla base di queste, come sceglierlo.

Caratteristiche da valutare per scegliere un inverter

Gli inverter in commercio sono numerosi e di diverse tipologie. Per scegliere quello che più si adatta alle tue esigenze, ti consigliamo di prendere in esame le seguenti caratteristiche:

  • Efficienza
    Il rendimento di un impianto fotovoltaico dipende sia da fattori esterni (inclinazione del tetto, latitudine, orientamento geografico dei pannelli, ombreggiamenti, condizioni meteorologiche) che da fattori interni, come la progettazione e la qualità e le prestazioni dei componenti. Tra questi, l'inverter riveste un ruolo importante,  che è racchiuso in primo luogo nel suo valore di efficienza: i migliori sul mercato questo valore supera il 97%.

  • Sistema di protezione dalle sovratensioni
    È bene verificare che l’inverter soddisfi i requisiti della direttiva EMC 2014/30/CE sulla protezione dalle sovratensioni. Tale direttiva impone ai componenti elettronici che siano in grado di resistere ai disturbi in entrata (immunità) e causino emissioni elettromagnetiche solo in quantità limitate (emissioni elettromagnetiche). 

  • Monitoraggio dell'impianto
    Un sistema di monitoraggio integrato, in passato considerato un optional, è oggi da ritenere uno dei requisiti più importanti di un inverter. La verifica del buon funzionamento dell'impianto, la tempestiva notifica di qualche problematica e la possibilità di intervenire da remoto per il ripristino del sistema - tutte operazioni consentite da un buon monitoraggio - sono infatti cruciali per ricavare il massimo dal proprio investimento nel fotovoltaico.
  • Durevolezza e affidabilità
    L'inverter è il componente più "delicato" dell'impianto fotovoltaico. Per questo è importante orientare la propria scelta su dispositivi durevoli e affidabili. La durata della garanzia con la quale sono forniti è quindi un fattore decisivo da considerare. Le migliori garanzie offerte sul mercato coprono una durata fino a 20 anni.

  •  Versione ibrida
    Al giorno d'oggi l'inverter “ibrido” viene ritenuto la scelta ideale da abbinare ad un impianto fotovoltaico. Alle funzioni tipiche, questo inverter associa anche la capacità di gestire e coordinare i flussi di energia elettrica che provengono dall’impianto, dalla rete e dalla batteria di accumulo. Può essere installato sia su un impianto già dotato di sistema di accumulo che su un impianto senza batteria per installarla magari in un secondo momento.  Per approfondirne il funzionamento e capire quindi quali vantaggi offre rispetto ai modelli tradizionali, leggi qui: Inverter fotovoltaico ibrido cos'è e come funziona.
    Al giorno d'oggi esistono anche sistemi di accumulo ibridi, che combinano cioè le funzioni di accumulo energetico ed inverter fotovoltaico. Questi sistemi "2 in uno" comportano un costo totale più contenuto, un minor tempo dii nstallazione, un ingombro totale più ridotto, una perfetta integrazione tra
    inverter e accumulo ed una maggiore efficienza complessiva.

Scegliere l’inverter migliore per il tuo impianto fotovoltaico adesso è sicuramente più semplice, sai quali caratteristiche è meglio verificare. Ma non fermarti qui:  un impianto fotovoltaico è ormai sprecato senza un sistema di accumulo, perciò scopri anche qual è l'accumulo perfetto per te! Inizia a beneficiare di energia green, dai una mano all’ambiente e riduci nettamente i costi in bolletta! Clicca qui sotto per avere subito la tua copia della guida in formato pdf da leggere quando vuoi per iniziare a progettare il miglior sistema

per la tua casa.

Scarica la guida gratuita su come scegliere il miglior sistema di accumulo per il tuo impianto


SCRITTO DA

Giovanni Colangiuli

Giovanni Colangiuli

Ingegnere, lavora da oltre 10 anni nel settore del fotovoltaico, dove ha ricoperto diversi ruoli tecnici (technical team leader, O&M Manager, Project Engineer e Project Developer) a supporto dei più importanti EPC Constructor. L’Ing. Colangiuli rappresenta SENEC presso i Comitati Tecnici 82, 120 e 316 del CEI.

topic-icon
FILTRA LA TUA RICERCA