SENEC.Blog La tua vita. La tua energia. Il tuo blog.

I numeri parlano chiaro: il mercato delle auto elettriche è decisamente in crescita. Soltanto nel nostro Paese, ha registrato, nei primi nove mesi del 2020, addirittura un +155% delle immatricolazioni rispetto allo stesso periodo del 2019 (Analisi dell’Osservatorio Smart Mobility dell’E&S Group). I motivi di questo trend positivo sono molteplici, dalla sostenibilità ambientale al risparmio economico.

Se il prezzo iniziale medio di acquisto di un’auto elettrica è leggermente superiore rispetto a quello di una tradizionale, il cosiddetto “Total Cost of Ownership” (il costo totale del possedere un’auto elettrica) è assolutamente più basso. Inoltre, l’incremento dei modelli di vetture elettriche e gli incentivi all’acquisto hanno reso il possesso di un’auto elettrica davvero alla portata di tutti noi. Anche fare il pieno di elettricità oggi è semplice come mettere sotto carica il tuo smartphone: puoi farlo a casa tua, basta avere una E station, conosciuta anche Wall Box o Home Charger.

Il 2020 ha registrato un aumento dell'installazione di infrastrutture di ricarica pubbliche, ma la soluzione migliore, nonché la più comoda, è quella di avere una stazione di ricarica domestica, o Wall Box.

Perché proprio una Wall Box?

La prima domanda che potresti porti è esattamente questa: non posso utilizzare una normale presa di corrente? In linea puramente teorica potresti, ma è una soluzione che qualunque professionista ti sconsiglierà fortemente. Le normali prese che abbiamo in casa, infatti, non sono state progettate per un utilizzo prolungato a potenze elevate. Ricaricare l’auto con una di queste prese significherebbe avere una ricarica lentissima e andare incontro al rischio di un pericoloso surriscaldamento. La Wall Box invece è stata appositamente pensata e creata a questo scopo, assicurandoti una ricarica sicura, comoda e veloce. Leggi anche questo articolo interessante sui tempi di ricarica elettrica:  Tempi di ricarica auto elettrica quando si ricarica la batteria.

Caratteristiche di un Home Charger

Qual è la soluzione di ricarica domestica ideale? Qui trovi i requisiti da valutare per scegliere al meglio.

  • Sicurezza
    Opta per un modello di ultima generazione che sappia garantirti la massima sicurezza, che includa ad esempio le protezioni contro le correnti di dispersione.
  • Flessibilità
    Le migliori Wall Box si possono adattare a tutte le esigenze: collegamento monofase, trifase, potenze di carica diverse. Questo è importante perché, se dovessero modificarsi i tuoi bisogni, non sarai costretto a cambiare il tuo dispositivo di ricarica.
  • Praticità
    Le caratteristiche e le prestazioni tecniche devono essere abbinate a un design elegante ma anche compatto, che sia poco ingombrante e adatto anche a chi non ha molto spazio a disposizione.
  • Interfaccia con sistema di accumulo
    Le migliori Wall Box sono quelle dotate di interfaccia con un sistema di accumulo. Questo perché, per rendere massima la convenienza di una vettura elettrica, l’ideale è utilizzare l’energia green e gratuita generata da un impianto fotovoltaico per fare il pieno, integrando convenienza e sostenibilità ambientale. Se però consideri che le ricariche, solitamente, è comodo effettuarle di notte, un sistema di accumulo si rivela fondamentale per avere una scorta di energia sempre disponibile a qualsiasi ora del giorno o della notte.
Qui trovi un video e un articolo per ulteriori informazioni utili: Stazione ricarica auto elettrica e accumulo binomio perfetto.

Questo tipo di stazioni di ricarica domestiche, integrate con l’accumulo, consentono inoltre di usufruire di alcune funzionalità aggiuntive, come ad esempio la possibilità di attivare o disattivare la ricarica da remoto, tramite un’App apposita, oppure di scegliere tra diverse modalità di ricarica, da quella più rapida a quella ottimizzata in base alla produzione dell’impianto fotovoltaico. Alcuni sistemi di accumulo, inoltre, permettono di collegare fino a 4 wallbox, dato che in futuro in ogni famiglia ci sarà anche più di un’auto elettrica.

Installazione della Wall Box

L’installazione richiede sempre l’intervento di un tecnico qualificato, ma considera che le Wall Box più avanzate sono “plug-and-play”, veloci e semplici da installare. L’installazione domestica prevede 4 step:

  • Individuare il punto di installazione
  • Fare i collegamenti elettrici
  • Fissare al muro o su colonnina di supporto
  • Collaudo

Sei un installatore e vuoi conoscere i vantaggi di una partnership strutturata? Clicca qui sotto!

New call-to-action

Superbonus al 110%

Oggi hai anche un’opportunità da non perdere: puoi far rientrare l’installazione di una Home Charger nell’ambito dell'agevolazione prevista dal Superbonus, ovviamente a patto che rientri in un progetto più ampio, che preveda la realizzazione di almeno uno degli interventi trainanti di efficientamento energetico previsti dal Decreto Rilancio (isolamento termico delle superfici, sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale con sistemi efficienti). Leggi qui per approfondire: Auto elettrica: cosa prevede il superbonus.

Avere la tua auto elettrica, installare la tua Wall Box, investire su un domani green e trasformare la tua casa in un edificio al top dell’efficienza energetica è finalmente realtà e puoi farlo, oggi, addirittura a costo zero.

Scarica gratuitamente la guida per scoprire come avere la tua e station domestica sfruttando il Superbonus 110. Clicca qui sotto per ricevere subito la tua copia al tuo indirizzo email.

scarica la guida gratuita


SCRITTO DA

Valentina De Carlo

Valentina De Carlo

Laureata in Relazioni Pubbliche e in Scienze e Tecniche Psicologiche, ha lavorato per oltre 15 anni nell’ambito marketing e comunicazione sia in azienda che in agenzia. La passione per le energie rinnovabili e la sensibilità per le tematiche di sostenibilità l’hanno portata a rivestire, dal 2007 a 2011, il ruolo di Responsabile Comunicazione e Relazioni Esterne per Conergy Italia Spa, tra le aziende leader nel fotovoltaico nell'era del Conto Energia. Dopo una parentesi da imprenditrice, con SENEC è tornata con entusiasmo nel settore dell'energia solare.

topic-icon
FILTRA LA TUA RICERCA