SENEC.Blog La tua vita. La tua energia. Il tuo blog.

Da qualche settimana, per le famiglie italiane, si è aperta un’opportunità irripetibile per l’acquisto dell’accumulo fotovoltaico: la cessione del credito d’imposta. Questo vantaggio permette al cliente finale di ottenere uno sconto immediato sull’acquisto. Qui ti spiego come funziona.

La normativa di riferimento

La cessione del credito d'imposta per gli interventi finalizzati al risparmio energetico, tra i quali l'installazione dell'accumulo fotovoltaico, è un’opzione introdotta dal Decreto Legge del 30/04/19, trasformato in Legge e integrato dal Decreto Crescita di fine giugno 2019.

Il credito d'imposta a cui il Decreto fa riferimento è quello inerente la detrazione fiscale del 50% in 10 anni per questo tipo di interventi, stabilita dal Decreto Legge 4 giugno 2013 n. 63 e prorogata fino a fine 2019 dalla Legge di Bilancio 2019.

Come specificato dalla Guida alle agevolazioni fiscali per le ristrutturazioni edilizie, infatti, tra gli interventi di ristrutturazione cui si applica la detrazione fiscale rientrano "gli interventi effettuati per il conseguimento di risparmi energetici, con particolare riguardo all’installazione di impianti basati sull’impiego delle fonti rinnovabili di energia".

Senza ulteriori proroghe da parte del Governo, nel 2020 tale detrazione fiscale calerà dal 50% al 36%, con il limite massimo di spesa di 48.000 euro per unità immobiliare (mentre ora il limite è di 96.000€). 

 

In cosa consiste la Cessione del Credito per accumulo fotovoltaico

La cessione del credito è un ulteriore strumento fiscale finalizzato ad incentivare l’adozione di tecnologie legate alla riqualificazione energetica e alla riduzione dell’impatto ambientale degli edifici. La cessione è pensata per le famiglie che hanno un’imposizione fiscale bassa e non riuscirebbero a sfruttare l’opportunità della detrazione fiscale.

Grazie alla cessione del credito il cliente finale, cioè il privato che acquista un sistema d’accumulo, può beneficiare di uno sconto immediato. Come infatti recita il Decreto Legge sopra citato:  "Per gli interventi di efficienza energetica , il soggetto avente diritto alle detrazioni può optare, in luogo dell'utilizzo diretto delle stesse, per un contributo di pari ammontare, sotto forma di sconto sul corrispettivo dovuto, anticipato dal fornitore che ha effettuato gli interventi".

Il Decreto Crescita ha inoltre aggiunto la possibilità, per il fornitore che ha effettuato gli interventi, di cedere a sua volta il credito ai suoi fornitori: "Il fornitore può cedere il credito ai propri fornitori anche indiretti di beni e servizi, con esclusione della possibilità di ulteriori cessioni da parte di questi ultimi. E’ in ogni caso esclusa la cessione agli istituti di credito e intermediari finanziari".

È per questo che alcuni produttori di sistemi di accumulo e di pannelli fotovoltaici hanno accettato di farsi carico del credito di imposta.

Le modalità operative

L’opzione della cessione del credito va comunicata all’Agenzia delle Entrate nell’area riservata del sito internet dell’Agenzia, entro il 28 febbraio dell’anno successivo a quello di sostenimento delle spese che danno diritto alle detrazioni.

Nel caso il fornitore accetti la cessione, egli deve confermare l’esercizio dell’opzione da parte del soggetto avente diritto alla detrazione e attestare l’effettuazione dello sconto, utilizzando le funzionalità rese disponibili nell’area riservata del sito internet dell’Agenzia delle Entrate.

Nel caso in cui desideri trasferire a sua volta il credito, deve effettuare la comunicazione della cessione con le funzionalità rese disponibili nell’area riservata del sito internet dell’Agenzia.

Tutte le indicazioni e le modalità attuative relative alla cessione del credito sono illustrate nell'apposito documento dell'Agenzia delle Entrate.

 

La buona notizia in poche parole? Chi acquista ora un sistema d’accumulo può avere uno sconto immediato del 50%.

Sempre ammesso, ovviamente, che il fornitore accetti la cessione. Per il tuo acquisto, quindi, rivolgiti ai fornitori che applicano la cessione del credito.

Hai oggi un’occasione irripetibile di avere un sistema in grado di renderti autosufficiente all’80% rispetto alla rete elettrica. Con un conseguente risparmio economico che inizia subito e si protrarrà per tutto il tempo di vita dell’impianto.

In aggiunta, puoi sfruttare una soluzione energetica cloud che ti permette di azzerare completamente le bollette per due anni!

 

Dato che il momento è decisamente favorevole all’installazione delle batterie per fotovoltaico, considera che è meglio essere certi di acquistare il migliore prodotto sul mercato.

Per fare un acquisto consapevole ti consiglio la lettura di questi tre approfondimenti in cui trovi tutte le caratteristiche per distinguere un prodotto di alta rispetto alle altre proposte sul mercato:

Un ulteriore consiglio è quello di controllare la garanzia e scegliere il prodotto che ti dà la maggior estensione in termini di anni o cicli.

A questo punto non ti resta che farti un’idea dei prezzi per raggiungere finalmente la tua indipendenza energetica. Clicca qui sotto e inizia a configurare il tuo sistema.

Scopri il prezzo del sistema di accumulo

 


SCRITTO DA

Valentina De Carlo

Valentina De Carlo

Laureata in Relazioni Pubbliche, ha lavorato per oltre 15 anni nell’ambito marketing e comunicazione sia in azienda che in agenzia. La passione per le energie rinnovabili l’ha portata a rivestire il ruolo di Responsabile Comunicazione e Relazioni Esterne per Conergy Italia Spa. Dopo una parentesi da imprenditrice, con SENEC è tornata con entusiasmo nel settore del fotovoltaico. E' prossima alla seconda laurea in Scienze e Tecniche Psicologiche, grazie alla quale ha potuto approfondire un'altra sua passione: la psicologia.

topic-icon
FILTRA LA TUA RICERCA