SENEC.Blog La tua vita. La tua energia. Il tuo blog.

Secondo lo Smart Mobility report 2020 realizzato dall’Energy&Strategy group della School of management del Politecnico di Milano, nonostante la pandemia le immatricolazioni di auto elettriche e ibride, nel nostro Paese, sono cresciute del 155% nel 2020. Quello che emerge è quindi un trend decisamente positivo per il settore della e-mobility, che presto ci vedrà tutti possessori di almeno un’auto elettrica. Tutto ciò significa che dovremo dotarci anche di un box di ricarica per fare il pieno di energia a casa e una buona idea sarebbe quella di approfittare del Superbonus 110% per averne uno. Ecco cosa prevede al riguardo.

Alzi la mano chi non ha guardato al Superbonus con curiosità, chiedendosi quanti e quali lavori potesse fare praticamente a costo zero. In questo articolo è spiegato bene quali tipi di intervento sono compresi nella detrazione e i limiti temporali per accedervi.

Qui invece vediamo tutto quello che riguarda Superbonus e box ricarica auto elettrica, grazie alla guida fornita dall’Agenzia delle Entrate.

Wall box ricarica auto elettrica e Superbonus

L’installazione di un’infrastruttura di ricarica per le auto elettriche può essere oggetto dell’agevolazione prevista dal Superbonus, a patto che rientri in un progetto più ampio, che preveda la realizzazione di almeno uno degli interventi trainanti di efficientamento energetico previsti dal Decreto Rilancio (isolamento termico delle superfici, sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale con sistemi efficienti).

Il box ricarica auto elettrica rientra infatti tra gli interventi “trainati”, ossia quelli che per usufruire del Superbonus devono essere realizzati congiuntamente a uno o più interventi trainanti.

Vediamo di seguito tutti i chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate.

Infrastrutture di ricarica auto: condizioni per accedere al Superbonus

Ecco le condizioni per far rientrare un'infrastruttura di ricarica per veicoli elettrici nel Superbonus:

  • l'installazione deve essere eseguita congiuntamente ad un intervento di isolamento termico delle superfici opache o di sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale con i requisiti che danno diritto al Superbonus;
  • il box di ricarica non deve essere accessibile al pubblico, quindi deve essere installato in un’abitazione privata o in una sua pertinenza, ed essere riservato ai soli residenti;
  • la wall box deve essere installata in un edificio adibito ad abitazione principale, per cui sono escluse le seconde case.

Per quanto riguarda le aziende che volessero installare una wall box, è possibile accedere alla detrazione del 50% in 10 anni.

Spese ammissibili e tetti di spesa

Le spese ammesse all’agevolazione sono quelle per:

  • L’acquisto della stazione di ricarica
  • L’installazione della stazione di ricarica
  • L’aumento di potenza del contatore fino a un massimo di 7 kW

L'Agenzia delle Entrate informa che la massima spesa detraibile, nella misura del 110% in 5 quote annuali di pari importo (o in 4 quote annuali per la parte di spesa sostenuta nell’anno 2022), è di 2.000 euro per gli edifici unifamiliari o per le unità immobiliari situate all’interno di edifici plurifamiliari che siano funzionalmente indipendenti e dispongano di uno o più accessi autonomi dall’esterno; 1.500 euro per gli edifici plurifamiliari o i condomìni che installino un numero massimo di otto colonnine; 200 euro per colonnina gli edifici plurifamiliari o i condomìni che installino un numero maggiore di otto colonnine.
Per gli interventi in corso di esecuzione al primo gennaio 2021 il Superbonus è calcolato su un ammontare massimo delle spese pari a 3.000 euro. Il limite è riferito a ciascun contribuente e costituisce, pertanto, l’ammontare massimo di spesa ammesso alla detrazione anche nell’ipotesi in cui, nel medesimo anno, il contribuente abbia sostenuto spese per l’acquisto e la posa in opera di più infrastrutture di ricarica.

L’agevolazione è applicabile ad una sola colonnina di ricarica per unità immobiliare.

Sei un installatore e vuoi conoscere i vantaggi di una partnership strutturata? Clicca qui sotto!

New call-to-action

Wall box e sistema di accumulo fotovoltaico

Abbinando una wall box ad un impianto fotovoltaico con accumulo, anch’esso incentivato dal Superbonus, puoi ottenere ulteriori vantaggi, proiettando la tua abitazione nel futuro e ottenendo una drastica riduzione dei costi in bolletta e dell'utilizzo del carburante fossile, a tutto beneficio dell'ambiente.

A tal proposito leggi anche: Stazione ricarica auto elettrica e accumulo binomio perfetto

Scopri in questi articoli tutto quello che devi sapere sulle wallbox e per far luce su qualsiasi dubbio o domanda:

Non farti cogliere impreparato dal futuro, rendi subito la tua casa al top dell’efficienza energetica e investi sul benessere del pianeta, tanto più che oggi puoi farlo addirittura a costo zero, senza anticipare un solo euro.

Scopri come avere il tuo box ricarica auto elettrica sfruttando il Superbonus 110, scarica la guida. Clicca qui sotto per ricevere gratuitamente la tua copia al tuo indirizzo email.

scarica la guida gratuita

 


SCRITTO DA

Valentina De Carlo

Valentina De Carlo

Laureata in Relazioni Pubbliche e in Scienze e Tecniche Psicologiche, ha lavorato per oltre 15 anni nell’ambito marketing e comunicazione sia in azienda che in agenzia. La passione per le energie rinnovabili e la sensibilità per le tematiche di sostenibilità l’hanno portata a rivestire, dal 2007 a 2011, il ruolo di Responsabile Comunicazione e Relazioni Esterne per Conergy Italia Spa, tra le aziende leader nel fotovoltaico nell'era del Conto Energia. Dopo una parentesi da imprenditrice, con SENEC è tornata con entusiasmo nel settore dell'energia solare.

topic-icon
FILTRA LA TUA RICERCA