SENEC.Blog La tua vita. La tua energia. Il tuo blog.

Se hai deciso di acquistare una batteria per accumulo fotovoltaico, questo articolo può essere utile per orientarti su quale batteria scegliere. L’offerta sul mercato è decisamente ampia e variegata ed è quindi opportuno acquisire tutte le informazioni necessarie per poter fare la scelta che meglio si adatta alle tue esigenze. Questo articolo ti supporterà nel chiarimento di vari aspetti, dalla tecnologia al prezzo, e ti svelerà funzionalità accessorie molto interessanti.

Come scegliere la batteria per accumulo

Abbiamo sintetizzato e selezionato le caratteristiche più importanti da tenere in considerazione in fase di acquisto in 6 punti.

 

1. Tecnologia intelligente

Sicuramente questo è uno degli elementi principali che differenziano le diverse batterie per accumulo presenti sul mercato. La funzione elementare di un sistema di accumulo è quella di immagazzinare l'energia elettrica prodotta da un impianto fotovoltaico.  Ma i sistemi dotati di una tecnologia più avanzata e sofisticata sono anche in grado, ad esempio, di ottimizzare i cicli di carica e scarica delle batterie e di monitorare costantemente il funzionamento dell'impianto fotovoltaico, anche da remoto. Sono i sistemi cosiddetti "intelligenti", dotati cioè di un software di controllo che ne gestisce, verifica e ottimizza le prestazioni.

 

2. Tecnologia pronta al futuro

Non dimenticare poi che stai acquistando un prodotto che resterà con te per i prossimi 20, anche 30 anni, quindi c’è bisogno di una tecnologia che sia già pensata per adattarsi ai cambiamenti futuri del mercato dell’energia. Assicurati che il prodotto in esame sia capace di farti cogliere opportunità importanti che sono all’orizzonte, tra le quali ad esempio i “servizi di bilanciamento alla rete elettrica”, ossia quei servizi che permettono di equilibrare gli scompensi di tensione che la rete elettrica registra a causa dell'imprevedibilità delle fonti energetiche rinnovabili e quindi della non perfetta coincidenza tra domanda e offerta di energia. Qui trovi spiegazioni più dettagliate: Accumulo fotovoltaico vantaggi 2020 servizi di bilanciamento della rete. Infine, è importante avere anche una tecnologia in grado di gestire in modo intelligente lo stoccaggio, la cessione in rete e l'autoconsumo anche in presenza di dispositivi domotici o di stazioni di ricarica per l’auto elettrica. L'interfaccia del sistema di accumulo con questi dispositivi è un fattore da tenere in considerazione. Basti pensare, ad esempio, che in un futuro molto prossimo le famiglie italiane si sposteranno essenzialmente con veicoli elettrici ed un sistema di accumulo che permetta di massimizzare l'utilizzo dell’energia gratuita e pulita del sole per fare pieni di elettricità e viaggiare a costo zero è davvero un’ottima prospettiva. Ecco due articoli per approfondire l’argomento:

 

2. Flessibilità

Ogni famiglia ha consumi ed esigenze diverse in termini di energia elettrica. Ogni casa e impianto elettrico ha requisiti peculiari. Un'abitazione può essere già dotata o meno di un impianto fotovoltaico pre-esistente. Per questo, nella scelta del giusto accumulo, è bene optare per sistemi che garantiscono la maggiore flessibilità applicativa, in modo da adattarsi ai diversi casi ed essere compatibile con altri dispositivi o vincoli già presenti.

Valuta inoltre la modularità del sistema, vale a dire la possibilità di espanderne la capacità attraverso l’inserimento di una batteria aggiuntiva all’interno dello stesso “case”. Questa caratteristica non va sottovalutata, perché il fabbisogno di energia elettrica di una famiglia può cambiare nel tempo, in virtù dell’inarrestabile transizione verso l’elettrico (veicoli elettrici, piani cottura a induzione, sostituzione di caldaie con impianti a pompa di calore).

 

4. Qualità

Valutare la qualità di un prodotto non è una cosa semplice e ci si deve basare su molteplici "indicatori": esperienza nel settore, processi produttivi e controlli qualitativi, materiali impiegati, "made-in" che testimonia la rispondenza a determinati standard e la competenza, recensioni dei clienti, premi e riconoscimenti.

Un elemento che ben racchiude tutti questi indicatori è rappresentato dalla garanzia: la massima garanzia di mercato (per i sistemi di accumulo è 10 anni), con eventualmente anche la possibilità di estenderla ulteriormente,  è un fattore che ti invitiamo a considerare con attenzione nella scelta del tuo accumulatore, tanto più che si tratta di un prodotto che è destinato a funzionare per decenni. 

 

5. Funzionalità aggiuntive

La batteria per accumulo, oltre a immagazzinare l’energia, può, nei sistemi più all’avanguardia, svolgere anche altre funzionalità. Ad esempio, può essere dotata del dispositivo di “back-up”, il quale consente di continuare ad alimentare i dispositivi elettrici collegati anche nel caso di black-out elettrico. Un interessante paracadute tecnologico che consente di affrontare anche gli imprevisti della rete, cosa che con gli impianti tradizionali non è possibile fare.

 

6. Capacità

Senza entrare in discorsi troppo tecnici, che riguardano la chimica delle diverse batterie (ma se ti interessa un piccolo approfondimento, clicca qui), una caratteristica tecnica da valutare nella scelta è la capacità.

La capacità di una batteria, espressa in chilowattora (kWh), rappresenta la quantità di energia che è in grado di immagazzinare. Un suggerimento che possiamo darti è quello di verificare la capacità netta o utile/utilizzabile: se non trovi il dato nella scheda tecnica qui trovi come calcolarla.

La capacità va dimensionata sulla base della produzione dell'impianto fotovoltaico (effettiva, se l'impianto è già esistente, o prevista, se deve ancora essere installato) e dei consumi elettrici dell'abitazione. È importante scegliere una batteria con una capacità di accumulo in linea con i tuoi bisogni reali, per non incorrere nel rischio di spendere soldi per un prodotto che non sfrutterai appieno oppure, al contrario, che non soddisfi le tue necessità energetiche.

Si tratta in questo caso di una valutazione tecnica che verrà fatta dall’installatore; ad ogni modo qui trovi un articolo con informazioni su come calcolare il dimensionamento giusto delle batterie per fotovoltaico.

 

Prezzi sistema di accumulo

Ora che conosci tutte le caratteristiche per scegliere il tuo sistema di accumulo, ti chiederai: sì, ma quanto costa?

Per darti un’idea di quali siano i prezzi che puoi aspettarti, ecco una tabella che prende in considerazione i sistemi più avanzati e completi, non soltanto le batterie. 

Tipo prodotto Capacità Accumulo Prezzo Indicativo in €
Sistema di accumulo integrato 5 kWh 8.000 €
Sistema di accumulo integrato 10 kWh 12.000 €
Sistema di accumulo ibrido 5 kWh 8.800 €
Sistema di accumulo ibrido 10kWh 13.000€
Sistema di accumulo con back-up -- +1.000 €

Ricorda sempre, infatti, che sistema di accumulo e batterie per accumulo non sono esattamente la stessa cosa.

Ora hai tutte le informazioni necessarie per orientare la tua scelta verso la batteria o il sistema di accumulo più adatto alle tue esigenze, ma c’è ancora un elemento importantissimo da prendere in considerazione: le agevolazioni fiscali. Il Governo infatti, attraverso il Decreto Rilancio, ha predisposto delle misure in tema di sgravi fiscali, tra cui il Superbonus al 110%: se installi il fotovoltaico con accumulo in concomitanza con altri interventi di efficientamento energetico, puoi usufruire della detrazione fiscale al 110% e dello sconto in fattura. Praticamente potresti avere il tuo impianto fotovoltaico con accumulo gratis!

Per sapere come fare il tuo investimento migliore godendo delle detrazioni fiscali, scarica gratuitamente la guida da leggere quando vuoi. Puoi dimezzare o azzerare l’investimento iniziale, a seconda dei lavori che decidi di effettuare.

scarica la guida gratuita


SCRITTO DA

Valentina De Carlo

Valentina De Carlo

Laureata in Relazioni Pubbliche e in Scienze e Tecniche Psicologiche, ha lavorato per oltre 15 anni nell’ambito marketing e comunicazione sia in azienda che in agenzia. La passione per le energie rinnovabili e la sensibilità per le tematiche di sostenibilità l’hanno portata a rivestire, dal 2007 a 2011, il ruolo di Responsabile Comunicazione e Relazioni Esterne per Conergy Italia Spa, tra le aziende leader nel fotovoltaico nell'era del Conto Energia. Dopo una parentesi da imprenditrice, con SENEC è tornata con entusiasmo nel settore dell'energia solare.

topic-icon
FILTRA LA TUA RICERCA